domenica 10 febbraio 2019

ITALIA: A2 Maschile, 9a giornata

Image result for a2 pallanuoto maschile

Girone Nord
CIVITAVECCHIA-CROCERA STADIUM 12-10 (4-2, 5-3, 1-3, 2-2)
Civitavecchia: Mancini, Muneroni, Minisini, Ballarini, Checchini 1 (1 rig.), Echeniqhe 2, Carlucci 1, Pagliarini 3, Romiti 2, Simeoni 1, Moretti 1, Greco 1, Pinci. All. Feoli
Crocera Stadium: Graffigna, Pedrini 1, Giordano 1, Chirico, Congiu 1, Figini, Ferrari 1, Tamburini 1, Fulcheris, Dellepiane, Bavassano 1, Manzone 4 (2 rig.), Fulcheris. All. Campanini
Arbitri: Centineo e Minelli
Note: usciti per limite di falli Minisini (Civitavecchia) nel secondo tempo, Cecchini (Civitavecchia) nel terzo tempo; Espulso per proteste (art 21.13) Chierico (Crocera) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: CN Civitavecchia 3/6 + un rigore, Crocera 7/15 + due rigori. Spettatori: 150 circa.

BRESCIA WATERPOLO-PLEBISCITO PADOVA 8-8 (1-2, 3-3, 3-1, 1-2)
Brescia Waterpolo: Massenza, Laurini, Zugni, Legrenzi, Garrozzo 1, Laisi, Tortelli 3, Tononi 3, Pietta, Zanetti, Gianazza 1, Sordillo, Gianazza. All. Sussarello
Plebiscito Padova: Destro, Segala, Tosato, Chiodo 1, Savio 2, Barbato, Gottardo, Robusto, Zanovello 1, Calabresi, Rolla 1, Leonardi, Tomasella 3. All. Martinovic
Arbitri: Rotondano e Rotunno
Note: uscito per limite di falli Zugni (B) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Brescia Waterpolo 4/7; CS Plebiscito PD 1/10. Spettatori 100 circa.

LAVAGNA 90-VELA ANCONA 7-8 (0-1, 3-0, 3-4, 1-3)
Lavagna 90: Agostini, Villa, Luce, Pedroni 1, Pedroni, Cimarosti 1, Bianchetti, Gabutti, Cotella, Cotella 1, Menicocci 1, Magistrini, Casazza 3. All. Berri
Vela Ancona: Bartolucci, Lisica 3 (1 rig.), Pugnaloni, Pantaloni 1 (1 rig.), Baldinelli, Pieroni, Simo, Breccia, Ciattaglia, Bartolucci 1, Sabatini 2, Cesini 1, Cardoni. All. Pace
Arbitri: Bonavita e Magnesia
Note: superiorità numeriche: Lavagna 90 1/7, Vela Ancona 1/6 + 2 rigori. Spettatori: 200 circa.

SORI-SPORTIVA STURLA 7-7 (0-0, 2-2, 2-2, 3-3)
Sori: Benvenuto, Elefante 1, Megna 1, Elphick 2 (1 rig.), Viacava 1 (1 rig.), Stagno, Digiesi, Benvenuto 1, Penco, Morotti, Percoco 1, Pesenti, Rayner. All. Cipollina
Sportiva Sturla: Ghiara, Baldineti, Giusti, Prian 1, Giusti 1, Bosso 1, Cappelli 2, Rivarola 1, Froda’, Bonomo 1, Parodi, Dainese, Dufour. All. Ivaldi
Arbitri: Pagani Lambri e Iacovelli
Note: espulso per proteste il tecnico Cipollina (RN Sori) nel secondo tempo. Uscito per limite di falli Megna (RN Sori) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: RN Sori 2/5 + due rigori; Sportiva Sturla 2/9. Spettatori 100 circa.

REALE MUTUA TORINO 81-PRESIDENT BOLOGNA 9-9 (3-3, 2-2, 1-3, 3-1)
Reale Mutua Torino 81: Aldi, Olocco, Cialdella, Azzi 1, Maffe’ 1, Oggero 1, Brancatello 3, Vuksanovic 3, Capobianco, Loiacono, Audiberti, Gattarossa, Costantini. All. Aversa
President Bologna: Aleksic, Gadignani, Bruzzone, Musolesi, Moscardino 2, Dello Margio, Marciano, Belfiori, Pasotti 2, Pozzi, Cocchi 5 (1 rig.), Sallioni, Bonora. All. Risso
Arbitri: Brasiliano e Chimenti
Note: Cocchi (PB) fallisce un rigore nel quarto tempo (fuori). Usciti per limite di falli: Dello Maggio (PB) nel terzo tempo e Pozzi (PB) nel quarto tempo.

SPAZIO CAMOGLI-COMO 10-6 (1-1, 2-3, 2-1, 5-1)
Spazio Camogli: Gardella, Beggiato 3, Iaci 1, Licata, Pellerano, Cambiaso 2, Bisso 1, Barabino, Cocchiere, Gatti, Molinelli, Mantero, Caliogna 3. All. Temellini
Como Nuoto: Viola, Foti, Bianchi, Lepore, Busilacchi, Toth 3 (1 rig.), Beretta, Gennari 1, Lava 1, Pellegatta, Cassano, Fusi 1, De Simone. All. Venturelli
Arbitri: Anaclerio e Lo Dico
Note: uscito per limite di falli Gatti (S.C.) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Spazio RN Camogli 3/7; Como Nuoto 2/13 + un rigore. Spettatori 200 circa.
***

Girone Sud
METAL CARPENTERIA CROTONE-PESCARA 4-7 (2-2, 0-0, 2-4, 0-1)
Metal Carpenteria Crotone: Conti, Cavallaro, Amatruda, Arcuri, Aiello, Namar, Candigliota, Morrone 1, Spadafora 3, Graziano, Markoch, Latanza, Ruggiero. All. Arcuri
Pescara: Volarevic, Di Nardo 1, De Vincentiis, C. Di Fulvio 1, De Ioris, Laurenzi, Giordano, Provenzano, Di Fonzo, D’aloisio 2 (1 rig.), E. Calcaterra 1, Agostini, F. Molina 2. All. Malara
Arbitri: Barletta e Taccini
Note: superiorità numeriche: Crotone 1/6 e Pescara 4/8 + 1 rigore. Espulsi Graziano (C) per gioco violento nel terzo tempo e il tecnico Malara (P) per proteste nel quarto tempo. Spettatori 100 circa.

STUDIO SENESE CESPORT-TELIMAR 10-8 (3-2, 3-1, 3-0, 1-5)
Studio Senese Cesport: Turiello, Buonocore 1, Di Costanzo 2, Parrella 2, Iodice 1, Cerchiara, Simonetti 1, Esposito, Saviano 1, Femiano 1, Parrella 1, Corcione, Bouche’. All. Esposito
Telimar: Lamoglia, Tuscano, Galioto, Di Patti 1, Occhione, Lo Dico, Giliberti, Saric 1, Lo Cascio 4, Tabbiani 2, Fabiano Antracite, Migliaccio, Sansone. All. Mustur
Arbitri: Rovida e Nicolai
Note: usciti per limite di falli Cerchiara (C) nel terzo tempo, Iodice (C) e Galioto (T) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Studio Senese Cesport 8/12 e Telimar 5/12. Spettatori 50 circa.

ROMA VIS NOVA-COPRAL MURI ANTICHI 8-4 (1-1, 3-2, 0-1, 4-0)
Roma Vis Nova: Bonito, Iocchi Gratta 1, Murro 2, Ferraro 1, Bernoni, Rella, Spinelli, Maras, Parisi 1, Gobbi 2 (1 rig.), De Vena 1, Vitola, Marinaro. All. Calcaterra
Copral Muri Antichi: Ruggieri, Carchiolo, Nicolosi, Zovko, Gluhaic 1, Aiello, Belfiore 1, Leonardi, Paratore, Muscuso, Calarco 2, Lanzafame. All. Puliafito
Arbitri: Savarese e De Girolamo
Note: usciti per limite di falli Gluhaic , Muscuso (Muri Antichi) e Maras (Vis Nova) nel quarto tempo; Cartellino giallo per l’allenatore del Vis Nova Calcaterra, nel secondo tempo e anche per l’allenatore della Muri Antichi Puliafito nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Vis Nova 2/11 + un rigore, Muri Antichi 1/8. Spettatori: 100 circa.

ROMA 2007 ARVALIA-ACQUACHIARA 7-5 (2-2, 2-2, 0-0, 3-1)
Roma 2007 Arvalia: Washburn, Serio 1, Re, Fiorillo, Miskovic 1, Navarra 2, Di Santo 1, Vittorioso 1, Sofia, Giacovazzi, Mele, Letizi, Faiella 1. All. Ciocchetti
Acquachiara: Rossa, Ciardi, De Gregorio, Occhiello, Pasca Di Magliano 1, Lanfranco, Occhiello 2, Lanfranco 2, Iula, Tozzi, Ronga, Briganti, Alvino. All. Petrucci
Arbitri: Schiavo e Nicolosi
Note: spettatori: 100 circa. Superiorità numeriche: Arvalia 0/6, Acquachiara 1/5. Usciti per limite di falli: Iula (Acquachiara) nel quarto tempo. Al minuto 4:55 ammonito il tecnico dell’Acquachiara Petrucci.

LATINA-CUS UNIME 8-9 (1-3, 1-1, 3-2, 3-3)
Latina: Cappuccio, Tulli, De Bonis, Goreta 2, Gianni, Falco, Castello, Barberini, Lapenna 1, Priori, Di Rocco 3, Giugliano 2, Marini. All. Mirarchi
CUS Unime: Spampinato, Russo, Maiolino, Steardo 3, Provenzale 1, Condemi, Cusmano, Giacoppo, Ambrosini, Sacco 3 (1 rig.), Klikovac 2, Parisi. All. Naccari
Arbitri: Ercoli e Roberti Vittory
Note: usciti per limite di falli Gianni (L), Priori (L), Giacoppo (C) e Sacco (C) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Latina Pallanuoto 5/11 e Cus Unime 2/13 + 2 rigori (uno fallito). Espulsi Tulli (L) per offese all’avversario e il tecnico Naccari (C) per proteste nel quarto tempo. Cappuccio (L) para un rigore a Klikovac (C) nel quarto tempo. Spettatori 150 circa.

ARECHI-CAMPOLONGO H. R.N. SALERNO 6-9 (2-2, 3-3, 1-2, 0-2)
Arechi: Noviello, Siani 1, Apicella, Bencivenga 1, Cali’, Esposito, Spinelli, Gregorio 1, Vukasovic 1, Mutariello, Iannicelli, Massa 2, Spinelli. All. Pesci
Campolongo H. R.N. Salerno: Santini, Luongo 1, Gandini 1, Sanges, Scotti Galletta 1, Gallozzi, Fortunato 1, Cupic 1, Mauro, Parrilli 2, Spatuzzo 2, Pica, Ragosta. All. Citro
Arbitri: Scillato e Carmignani
Note: uscito per limite di falli Calì (A) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: RN Arechi 3/6 e Campolongo Hospital RN Salerno 4/11. Spettatori 600 circa.

ITALIA:A1 Maschile 17a giornata

Image result for a1 pallanuoto maschile

CATANIA-PRO RECCO 8-17 (1-5, 1-6, 2-4, 4-2) 
Catania: Risticevic, Lucas, F. Jankovic, Buzdovacic, Catania, Eu. Russo, G. Torrisi 3, Scebba, Kacar, Privitera 3, D. Presciutti 1, Cuccovillo 1, Castorina. All. Dato
Pro Recco: Bijac, F. Di Fulvio 2, Renzuto 2, Bukic, Molina 2, Velotto 1, Aicardi 1, Echenique 4, Bodegas 1, F. Filipovic 2, A. Ivovic 2, N. Gitto, Massaro. All. Rudic 
Arbitri: Guarracino e Alfi
Note: Usciti per limite di falli: Jankovic e Presciutti (NCT) nel quarto tempo.
Troppa Pro Recco per il Catania. I campioni d’Italia hanno vita facile alla Scuderi, dove impongono una grande difesa alla squadra di Dato e scappano via già nel primo quarto: dopo meno di sette minuti il punteggio è di 5-0 per i liguri, che poi svoltano a metà gara sull’11-2. Imprendibile Echenique per gli etnei, che incassano così la sconfitta numero 13 in campionato. La Pro Recco, invece, stacca il Brescia e allunga a +6 sulla Sport Management in attesa dello scontro diretto di Mompiano.  

 
ORTIGIA-SAVONA 3-4 (1-2, 1-0, 0-0, 1-2)
Ortigia: Caruso, Cassia, Abela, Jelaca 1, Di Luciano, Farmer, Giacoppo, Español, Rotondo, Giribaldi, Susak, Napolitano 2, Pellegrino. All. Piccardo
Savona: Soro, A. Patchaliev, Caldieri 1, Vuskovic 1, L. Bianco, Corio, Piombo, K. Milakovic, Ricci, G. Novara, E. Novara, J. Colombo 2, Missiroli. All. Angelini
Arbitri: Pascucci e Fusco
Note: uscito per limite di falli Piombo (Savona) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Ortigia 1/13 e Savona 2/9. Spettatori 300 circa

Il Savona ritrova Soro e Vuskovic e con loro i 3 punti che mancavano oramai da ben 11 giornate: il 17 novembre, nel derby contro il Bogliasco, l’ultimo successo della squadra di Angelini. Lo fa a Siracusa, su un campo difficilissimo, contro un’Ortigia che ancora una volta sbatte contro i suoi problemi offensivi, acuiti in questo 2019 dalla partenza di Vapenski: l’1/13 su uomo in più dice tutto della prestazione della squadra di Piccardo. I biancorossi di Angelini prendono in mano la partita già nel primo quarto, con le reti di Colombo e Vuskovic. Faticosamente, Napolitano e Jelaca costruiscono il pareggio dell’Ortigia, che poi trascorre 16 minuti senza segnare, bloccata ripetutamente da un grande Soro. Nell’ultimo quarto ancora Colombo rimette avanti il Savona, Napolitano pareggia dopo 15’’, ma a 11’’ dalla sirena i liguri sfruttano al meglio una superiorità e con Caldieri portano a casa i tre punti. La squadra di Angelini resta terzultima, ma il successo di Siracusa le permette di portarsi a +4 sul Catania e a soli 2 punti dalla Canottieri Napoli, impegnata oggi a Bogliasco.  

POSILLIPO-LAZIO 8-6 (2-0, 2-2, 2-2, 2-2) 
Posillipo: Negri, Kopeliadis 2, M. Di Martire 3, Picca, G. Mattiello 1, G. Di Martire, Marziali 1, Rossi, Papakos 1, Scalzone, Manzi, Saccoia, Sudomlyak. All. Brancaccio
Lazio: Correggia, Ferrante, Colosimo, Biancolilla, Vitale 2, Antonucci 1, D. Giorgi 1, Cannella, Narciso 2, Maddaluno, Marini, Garofalo. All. Sebastianutti
Arbitri: Piano e D. Bianco
Note: Uscito per limite di falli Scalzone (posillipo) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Posillipo 2/6, Lazio 5/11. Spettatori: 200
La Lazio lotta, nonostante le assenze di Leporale e Cannella (in distinta per onor di firma), ma il Posillipo si dimostra superiore e batte i biancocelesti, difendendo il 4° posto in classifica. La squadra di Sebastianutti rimonta il 2-0 dei rossoverdi in avvio, ma a cavallo dell’intervallo lungo il Posillipo piazza l’allungo con Giuliano Mattiello – tornato al gol dopo il lungo intervallo – Kopeliadis e, in avvio di terzo quarto, Marziali. Dopo il 5-3 del centroboa il punteggio fluttua tra il +3 e il +2 dei napoletani: è Vitale a fissare il punteggio sull’8-6 conclusivo. Il Posillipo allunga così non solo sui biancocelesti, ma anche sull’Ortigia, ora con 6 punti di ritardo.

Bogliasco Bene: Prian, Ferrero, A. Di Somma 1, Fracas 2, G. Guidi, Ravina 3, Gambacorta 1, Monari 1, Guidaldi 1, M. Guidi, Puccio, Lanzoni 3, Di Donna. All. Magalotti
Canottieri Napoli: Vassallo, Del Basso 1, A. Zizza, Tartaro, Marek Tkac, Anello, Confuorto, Campopiano 4, M. Vukicevic 1, Tanaskovic 4, Borrelli, Esposito, Altomare. All. P. Zizza
Arbitri: Paoletti e D’Antoni
Note: Usciti per limite di falli Guidi, Puccio, Di Somma, Monari (Bogliasco Bene) e Tkac (CC Napoli) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco Bene 4/11 + 2 rigori, CC Napoli 3/17. Spettatori: 200 circa.
In zona salvezza la vittoria più importante è quella del Bogliasco Bene, che supera la Canottieri Napoli e aggancia il Catania a quota 10 punti. La formazione di Magalotti sa che questa è una gara da non fallire e inizia col piede pigiato sull’acceleratore, riuscendo a guadagnare due gol di margine nei primi 10 minuti. Dopo il 3-1 su rigore di Lanzoni, però, arriva la reazione della Canottieri che segna tre gol nel giro di un minuto e mezzo: è Tanaskovic, con una doppietta, a ribaltare il risultato e a firmare il 4-3 per i napoletani. Il personale break del serbo prosegue anche nel terzo quarto, suo anche il gol del +2 dei giallorossi. Il Bogliasco ha bisogno che uno dei suoi uomini migliori dia la scossa: ci pensa Ravina con la doppietta del 5-5, seguita dal nuovo vantaggio ligure di Fracas, su uomo in più. Solo in avvio di ultimo quarto è Gambacorta, che firma l’8-6. Milos Vukicevic e Campopiano tengono in corsa la Canottieri fino a due minuti dalla fine, quando Monari mette alle spalle di Vassallo la rete del 12-9. 

ROMA NUOTO-TRIESTE 15-6 (3-1, 4-0, 3-2, 5-3) 
Roma Nuoto: De Michelis, Ciotti, De Santis, F. Faraglia 2, J. Camilleri, Spione 2, S. Camilleri 4, Paskovic 1, M. Lapenna 2, De Robertis 3, Africano 1, Innocenzi, D’Ascoli. All. R. Gatto
Trieste: Oliva, Podgornik, Petronio 2, Ferreccio, A. Giorgi, Panerai, Gogov 1, Turkovic, Vico 2, Mezzarobba 1, Mladossich, Spadoni, Persegatti. All. Bettini
Arbitri: Pinato e Castagnola
Note: Superiorità numeriche: Roma Nuoto 6/8 + un rigore; Pallanuoto Trieste 1/4 + un rigore. Spettatori 250 circa.
La Roma Nuoto asfalta Trieste – pesante l’assenza di Rocchi tra i giuliani – e guadagna tre punti importanti in ottica salvezza. Ottima la partenza dei giallorossi, avanti prima 2-0 e poi 4-1 con le reti di Stevie Camilleri (a 3’’ dalla fine del primo quarto) e poi con Michele Lapenna all’alba della seconda frazione. Trieste non reagisce e il parziale della Roma Nuoto prosegue addirittura fino al 9-1 del terzo quarto firmato ancora da Stevie Camilleri. Gogov sblocca Trieste, ma oramai la gara per i giuliani è compromessa e per il team di Gatto è facile condurre in porto la vittoria.   

IREN QUINTO-FLORENTIA 9-8 (3-2, 2-3, 1-2, 3-1)
Iren Quinto: Pellegrini, Paunovic 1, N. Vavic, Mugnaini 1, F. Brambilla 1, Lindhout 1, Gavazzi 1, Bielik, Boero, Bittarello 1, M. Gitto 2, Amelio 1, Pellerano. All. Marino (Luccianti squalificato)
Florentia: Cicali, Generini 1, Eskert 1, Coppoli 1, F. Turchini 1, Bini, Chemeri, Dani, Razzi 2, Tomasic, Astarita 1, A. Di Fulvio 1, Maurizi. All. Tofani
Arbitri: Calabrò e Frauenfelder
Note: Usciti per limite di falli: Brambilla (G) e Generini (F) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Quinto 8/13, Florentia 4/10. Spettatori: 400.
Un gol di Amelio a 12’’ dalla sirena permette all’Iren Quinto di battere la Florentia e di tornare al successo dopo quattro sconfitte consecutive. Bella la partita di Albaro, con i padroni di casa più decisi in zona gol e in grado di condurre nei primi due quarti. Il Quinto scappa sul 4-2 in avvio di secondo quarto con Gavazzi, ma la Florentia reagisce trovando il pari in meno di un minuto con Coppoli e Eskert e portandosi poi in vantaggio nel terzo quarto con Andrea Di Fulvio (6-5). Nell’ultimo quarto la Florentia si porta addirittura sul +2 con l’8-6 segnato da Generini, ma il doppio vantaggio del team di Tofani dura poco, perché Mugnaini accorcia le distanze e, dopo un minuto, Bittarello firma l’8-8. Minuti finali concitati, poi la rete di Amelio in superiorità che decide al gara e permette al Quinto di agganciare la Florentia al settimo posto a quota 24 punti, ad una sola lunghezza dalla Lazio, sesta.  

 

Followers