Featured Posts

domenica 10 dicembre 2017

PALLANUOTO UNDER 11 - CLUB AQUATICO PESCARA





Champions League – Fase a gironi – 4a giornata

Risultati immagini per CHAMPIONS DI PALLANUOTO

Gruppo A
OLYMPIACOS-PARTIZAN 16-8 (5-1, 4-2, 3-4, 4-1)
Olympiacos: Pavic, Mylonakis 2, Delakas, Gennidounias 2, Fountoulis 3 (1 rig.), Nikolaidis 2, Dervisis, Buslje 1, Mourikis 2, Gounas 3, Argyropoulos, P. Obradovic 1, Galanopoulos. All. Vlachos
Partizan: Risticevic, Kasum, F. Jankovic, Lukic, D. Lazic 1, Tomic 2, M. Jankovic 1, Andrejevic 1, Manojlovic 1, Radanovic, Radonjic 2, Aksentijevic, Belopavlovic. All. S. Ciric
Arbitri: Colombo (Ita) e Jimenez (Esp)
Note: sup. num. Olympiacos 6/10, Partizan 5/12. Rigori: Olympiacos 1/1
L’Olympiacos consolida il primato del gruppo A della fase a gironi di Champions League superando nettamente al Pireo il Partizan. Ai serbi non è bastato il rientro del portiere titolare Risticevic per frenare la maggiore qualità dei campioni di Grecia: sull’1-1 le reti di Fountoulis, Mylonakis, Gounas e del giovane centroboa Nikolaidis lanciano i biancorossi sul 5-1. Nel secondo parziale prima Obradovic (8-2) e poi Gounas (9-3) – il più incisivo in zona gol – portano l’Olympiacos sul +6, quanto basta per controllare il ritorno di puro orgoglio della squadra di Stefan Ciric. Nell’ultimo quarto nuovo allungo dei greci, che vincono per 16-8.

DINAMO MOSCA-WASPO HANNOVER 9-6 (3-2, 2-2, 2-1, 2-1)
Dinamo Mosca: Ivanov, Lazarev, Koptsev, Subotic, Latypov, D. Pijetlovic 1, Bychkov 2, Nagaev 3 (1 rig.), Radjen, Kholod, Lisunov 2, Shepelev 1, Kostrov. All. M. Zakirov
Waspo Hannover: Schenkel, Corusic, Bukowski, Real, Da. Brguljan 3, A. Radovic 2, Jokic, Preuss 1, Sekulic, Estrany, Ma. Tkac, Winkelhorst, Sucic. All. Seehafer
Arbitri: Margeta (Slo) e Buch (Esp)
Note: sup. num. Dinamo Mosca 3/6, Waspo Hannover 3/10. Rigori: Dinamo Mosca 1/1
La Dinamo Mosca si conferma solidissima davanti al proprio pubblico, affondando la Waspo Hannover nella parte finale della gara. Partita molto equilibrata per tre quarti, con i tedeschi che restano incollati ai padroni di casa grazie alla buona media realizzata su uomo in più. Col passare dei minuti la Waspo perde precisione e sul 5-5 la Dinamo si stacca per la prima volta sul +2, grazie alle reti del solito Nagaev e, in superiorità, di Bychkov. Nell’ultimo quarto è poi il centroboa Lisunov, con una doppietta, a lanciare la Dinamo sul 9-5 e verso la vittoria. Per i russi è il terzo successo in quattro giornate.

JUG DUBROVNIK-BARCELONETA 9-9 (5-1, 2-3, 1-2, 1-3)
Jug Dubrovnik: Bijac, Macan 1, L. Fatovic 1, Loncar 2, Jokovic 2 (1 rig.), J. Garcia, Ivankovic, V. Rasovic 1, Renzuto 1, Pavlicevic, Benic, Lozina 1, Jarak. All. Kobescak
Barceloneta: Lopez Pinedo, Famera 1, Granados 1, Munarriz 2 (1 rig.), J. Vrlic 1, Larumbe, Paul, F. Fernandez 1, Tahull, Perrone 1, Mallarach 2, A. Bustos, Linares. All. C. Martin
Arbitri: Molnar (Hun) e Severo (Ita)
Note: sup. num. Jug 1/5, Barceloneta 4/6. Rigori: Jug 1/2, Barceloneta 1/1
Il Barceloneta compie una straordinaria rimonta alla Gruz, bloccando lo Jug sul pareggio dopo essere stato sotto anche di 5 reti. Ottima la partenza della squadra di Kobescak: ad accendere la miccia è Renzuto, subito a segno su uomo in più. Segue la doppietta su Jokovic (primo gol su rigore) e, dopo il 3-1 di Fernandez, i gol di Loren Fatovic, Loncar e, in avvio di secondo quarto, Macan. Il 6-1 pare annichilire il Barceloneta, che fatica a servire Vrlic e Tahull. Dopo il sudatissimo 6-2 di Mallarach, la rete di Lozina – altro ex della partita – sembra una vera mazzata per i ragazzi di Chus Martin. Invece i catalani reagiscono e nel giro di tre minuti, a cavallo dell’intervallo lungo, trovano un break di 3-0 che riapre la partita (7-5). Lo Jug si tiene comunque avanti di 2 e quando Loncar a 6’14’’ dalla fine infila in rete la palla del 9-6 i croati pensano di avercela fatta. Sbagliato: Mallarach accorcia, il terribile Perrone firma il -1 e un fallo da rigore di Renzuto permette a Munarriz di segnare il 9-9 a 1’53’’ dalla fine. Ultimi minuti di tensione, ma il punteggio non si sblocca.

***

Gruppo B

EGER-SABADELL 14-5 (3-1, 4-2, 5-2, 2-0)
Eger: B. Mitrovic, Angyal 1, S. Rasovic 5, Avramovic 1, Hosnyanszky 2, Lorincz, Ad. Decker, Ge. Kovacs 1, B. Biros, Vlachopoulos 2, Bedo 1, Harai 1, Csiszar. All. Dabrowski
Sabadell: Motos, S. Cabanas 2, O. Carrillo 1, Matoso, Gorria, J. Bustos, Lopez-Escribano, Muller, Fenoy, Gallego 1, Carrasco, V. Cabanas 1, Mardones. All. S. Gomez
Arbitri: Rovida (Ita) e Achladiotis (Gre)
Note: sup. num. Eger 7/12, Sabadell 0/9
Pur senza Cuckovic – sostituito da Barnabas Biros – l’Eger ritrova il successo in Champions League che mancava dalla 1a giornata della fase a gironi. Vittima degli ungheresi è il Sabadell, che paga lo scarso peso sulla linea dei due metri e la poca precisione con l’uomo in più. I difensori di Dabrowski fanno la differenza davanti a Brane Mitrovic, mentre dall’altra parte della vasca prima Vlachopoulos(doppietta per il 3-1) e poi Hosnyanszky (doppietta per il 5-2) lanciano i magiari. Nel secondo quarto Gergo Kovacs prima e Strahinja Rasovic poi confezionano il +4  con cui si arriva a metà gara. Il Sabadell prova a rientrare, ma lo svantaggio accumulato è troppo per i catalani. Strahinja Rasovic scatenato nella seconda metà di partita: alla fine i gol del serbo sono 5.


AZC ALPHEN-SPANDAU BERLINO 5-17 (1-2, 2-5, 0-5, 2-5)
AZC Alphen: Urosevic, Coric 1, De Mey, P. Ivosevic, Stienstra, L. Nagy, Van Gulik, Van Mil, Mandolini, Miralis, Indijic 1, M. Filipovic 3, Smith. All. Van der Wild
Spandau Berlino: Baksa, Saudadier, Gielen 3, Ma. Cuk 4, Negrean 1, Juengling 1, Strelezkji 1, Dedovic 2, M. Stamm 2, Reibel 1, Restovic 2, Pjesivac, Peterfy. All. P. Kovacevic
Arbitri: Franulovic (Cro) e Rakovic (Srb)
Note: sup. num. Alphen 1/7, Spandau 4/5
La 4a giornata si conclude con il successo dello Spandau Berlino in casa dell’AZC Alphen, vittoria che consente alla squadra di Petar Kovacevic di agganciare Pro Recco e Szolnok a quota 9 punti. Sull’1-1 è proprio l’olandese Gielen a dare il via al break dei tedeschi, che si portano sul 5-1 e poi hanno vita facile nel dilagare. Mateo Cuk ancora una volta è il top scorer dei suoi.

Euro Cup – Quarti di finale – Gare di ritorno

Risultati immagini per EURO CUP PALLANUOTO

BPM SPORT MANAGEMENT-STELLA ROSSA 15-8 (4-1, 5-3, 4-3, 2-1) [and. 10-5]
Bpm Sport Management: Nicosia, E. D Somma 1, Blary 1, Figlioli 4, Fondelli 2, A. Petkovic 2, Drasovic 1, Gallo, Mirarchi 1, S. Luongo, Baraldi 2, Panerai 1, Lazovic. All. Baldineti
Stella Rossa: Dobozanov, Tankosic 1 (rig.), M. Radovic, Bursac, Suberic, Ilic, Njegovan, Toholj, Nikolov 1, Tanaskovic 4, Stojanovic 2, Todorovski. All. Savic
Arbitri: Galkin (Rus) e Manea (Rou)
Note: sup. num. Sport Management 3/6, Stella Rossa 2/7. Rigori: Stella Rossa 1/1
Il quarto di finale di ritorno di Euro Cup tra Bpm Sport Management e Stella Rossa si trasforma presto in una festa, per il pubblico delle piscine Manara. Forte del +5 dell’andata, la squadra di Baldineti gioca in scioltezza contro i serbi, protetta da un buon Nicosia tra i pali. Il 3-0 in partenza, firmato da Baraldi, Fondelli e Figlioli, fa il resto e anche il parziale ritorno della squadra di Savic nel secondo quarto (6-4) viene gestito con tranquillità. A metà gara la Bpm è sul 9-4, 13-7 il punteggio alla fine del terzo quarto e 15-8 quello finale: la Sport Management approda dunque in semifinale di Euro Cup, come un anno fa. Stavolta l’obiettivo è superare il turno – nella scorsa stagione i mastini furono eliminati dall’Oradea – e centrare la prima finale nella storia del club. “La squadra che ha iniziato aveva un’età media 22 anni – il commento a fine gara di Baldineti -, e questa è una cosa positiva per noi. Ho voluto provarli per una partita importante subito dall’inizio e hanno risposto bene e nel primo tempo abbiamo messo al sicuro il risultato”.

SPARTAK VOLGOGRAD-MISKOLC 10-7 (2-2, 4-3, 2-2, 2-0) [and. 8-12]
Spartak Volgograd: Statsenko, Eskov, Yurchik 3, Melentev 1, Krug, Ashaev 1, Khalturin 1, Andryukov, Shaikhutdinov 1, Ruday, Kiselev, Agarkov 3, Fedotov. All. Karabutov
Miskolc: Csoma, Kuzmenko, D. Lukacs, A. Nagy, Berta, Bowen 2 (1 rig.), Vadovics 2, Santa, Jakab, Misic 2, Milicic, Halek 1, Kosik. All. Petlyanszki
Arbitri: Moiralis (Gre) e Stanojevic (Srb)
Note: sup. num. Spartak 4/11, Miskolc 5/12. Rigori: Miskolc 1/2
Lo Spartak Volgograd non riesce nell’impresa di rimontare 4 gol al Miskolc, battendo gli ungheresi solo per 10-7. La squadra di Karabutov, in realtà, segna il gol del +3 a soli 27’’ dalla fine.

FERENCVAROS-SINTEZ KAZAN 12-9 (4-3, 2-0, 3-2, ) [and. 16-8] 
Ferencvaros: S. Vogel, Sedlmayer 1, Madaras 4, K. Manhercz, Vamos, Sziranyi 2, Nemet, Jaksic 2, Da. Varga, De. Varga 2, S. Jansik 1, S. Mitrovic, Gardonyi. All. Z. Varga
Sintez Kazan: Antonov, Khaziakhmetov, Magomaev, Odintsov, Bugaychuk, Klikovac 2, Fatahutdinov 1, Zinnatullin 2, Stepanyuk 1, Ryzhov-Alenichev 2, Zakirov, Giniyatov 1, Galimzyanov. All. Belofastov
Arbitri: Peris (Cro) e F. Toth (Hun)
Note: sup. num. Ferencvaros 7/11, Sintez 6/10. Rigori: Ferencvaros 0/1
Per il Ferencvaros la gara di ritorno dei quarti di finale contro il Sintez Kazan rappresentava una pura formalità, dopo gli 8 gol di scarto consegnati ai russi nella gara di andata. Zsolt Varga risparmia Nikic – in acqua va Nemet -, ma i biancoverdi non perdono pericolosità, vincendo per 12-9 con poker di Madaras.

MARSIGLIA-JADRAN SPALATO 7-5 (3-2, 1-1, 1-2, 2-0) [and. 11-10]
Marsiglia: Scepanovic, Hoepelman, Olivon 1, Constantin-Bicari 2, D. Markovic, T. Vernoux, Kremers-Taylor, Djurdjic, Marion-Vernoux, I. Kovacevic 2, A. Vukicevic 2, Grimaldi, Hovhannisyan. All. Malara
Jadran Spalato: Anic, Butic, Marinic-Kragic 1, Krapic 1, Buselic 1, Miletic, Power, Marelja 1, Viskovic, Milardovic 1, Vukovic, Buzdovacic, Strujic. All. M. Smodlaka
Note: sup. num. Marsiglia 3/7, Jadran 3/10. Rigori: Marsiglia 0/1
Approda in semifinale anche il Marsiglia di Paolo Malara, che difende il vantaggio acquisito nella gara di andata in casa dello Jadran Spalato. Partita durissima per i francesi, che si portano sul 4-2 ma poi subiscono la rimonta dei croati, avanti 5-4 a 3’50’’ dalla fine del terzo quarto. Una doppietta di Constantin-Bicari e il 7-5 finale di Vukicevic, però, rimettono le cose a posto per i Marsiglia.

giovedì 7 dicembre 2017

TORNEO UNDER 11 A PESCARA - PISCINA PROVINCIALE (Venerdi, 08. dicembre 2017)




PROGRAMMA DEL TORNEO



I. Giornata


10:00
SWIM ACTION – SGT SPORT
10:30
BUSTINO – SPN SPORT ANTARES LATINA
11:00
SPN SPORT ANTARES SQUALI - CLUB AQUATICO
II. Giornata
11:30
CLUB AQUATICO - SWIM ACTION
12:00
SPN SPORT ANTARES PIRATI - SPN SPORT ANTARES SQUALI
12:30
SGT SPORT - BUSTINO
PAUSA PRANZO
III. Giornata
13:30
SWIM ACTION - SPN SPORT ANTARES SQUALI
14:00
BUSTINO - CLUB AQUATICO
14:30
SGT SPORT - SPN SPORT ANTARES PIRATI
IV. Giornata
15:00
CLUB AQUATICO - SGT SPORT
15:30
SWIM ACTION - SPN SPORT ANTARES PIRATI
16:00
SPN SPORT ANTARES SQUALI - BUSTINO
V. Giornata
16:30
BUSTINO - SWIM ACTION
17:00
SPN SPORT ANTARES PIRATI - CLUB AQUATICO
17:30
SGT SAMBUCETO - SPN SPORT ANTARES SQUALI


Arbitri, la Fina estende il limite d’età


Risultati immagini per Bureau della Fina

Si allunga la carriera degli arbitri di pallanuoto: il Bureau della Fina ha approvato la proposta del Comitato Tecnico della Pallanuoto di elevare da 55 a 60 anni il limite di età per i direttori di gara. Una decisione presa per mantenere in attività gli arbitri più esperti e assicurare un livello di arbitraggio migliore, in attesa che le nuove leve siano pronte per i grandi appuntamenti.
La decisione della Fina, però, non è automaticamente vincolante per le altre federazioni internazionali e nazionali. La Federnuoto, per esempio, dovrà decidere se estendere a sua volta l’età dei propri arbitri: in ballo c’è il proseguimento della carriera di tre apprezzati direttori di gara come Massimo Gomez (nella foto), Stefano Riccitelli e Cristina Taccini, che hanno tutti raggiunto il vecchio limite dei 55 anni. Le federazioni nazionali hanno poi tempo solo fino al prossimo 14 dicembre per sottoporre alla Fina la lista dei propri arbitri internazionali.
A tal proposito, queste furono le parole di Roberto Petronilli, presidente del GUG, in un’intervista rilasciata a WPDWorld lo scorso ottobre: “Aspettiamo una decisione della Fina sul limite di età: spetta poi ai vertici della Federnuoto, e non al GUG, scegliere se adeguarsi o meno, ma credo che ci sia la volontà di farlo. Per il momento Gomez, Taccini e Riccitelli hanno partecipato alla riunione dei commissari delegati: nel momento in cui venisse ratificata l’estensione del limite d’età saranno loro a decidere se continuare ad arbitrare o meno”.

martedì 5 dicembre 2017

Italia: Sabato di coppe europee e A1 maschile spezzatino - Programma e arbitri dell’8a giornata



Anticipo del 5 dicembre
SAVONA-BRESCIA (ore 19, arbitri: Centineo e D’Antoni) Diretta radio streaming Radio Brescia Sport

Anticipi del 6 dicembre 
PRO RECCO-ORTIGIA (ore 15, arbitri: Calabrò e Colombo)
BPM SPORT MANAGEMENT-CANOTTIERI NAPOLI (ore 19:30, arbitri: Castagnola e Petronilli) Diretta streaming Waterpolo Channel

Sabato 9 dicembre
REALE MUTUA TORINO 81-POSILLIPO (ore 15, arbitri: Brasiliano e Savarese)
BOGLIASCO BENE-TRIESTE (ore 15:30, arbitri: Alfi e Pascucci)
FLORENTIA-ACQUACHIARA (ore 16, arbitri: Carmignani e Pinato) Diretta streaming sul canale YouTube della Florentia
LAZIO-SELECO CATANIA (ore 16:30, arbitri: Collantoni e Frauenfelder)

giovedì 30 novembre 2017

È morto Mauro Maugeri


Aveva solo 58 anni Mauro Maugeri, personaggio di spicco della pallanuoto siciliana, italiana e internazionale. È morto oggi pomeriggio, sconfitto da un male che l’ha aggredito e consumato nel giro di pochi mesi e che nello scorso gennaio l’aveva costretto a lasciare la panchina della Muri Antichi, formazione catanese di A2, il suo ultimo incarico nel mondo della pallanuoto. Un mondo che aveva amato e vissuto a pieno, da giocatore prima e da allenatore poi, passando dalla waterpolo maschile a quella femminile, da incarichi internazionali a categorie minori. Il nostro sport perde un grande personaggio e un grande uomo, oltre che uno degli allenatori più vincenti della storia recente.
Maugeri durante una scena di "Palombella Rossa"
Maugeri durante una scena di “Palombella Rossa”
Nato ad Acicastello nel 1959, Maugeri ha giocato come centroboa nel club della sua città, nel Pozzillo e nella Poseidon. Nel 1987, ancora al Pozzillo, la sua prima stagione da allenatore: nello stesso ruolo compare nel film “Palombella Rossa”, uno dei capolavori di Nanni Moretti. Con il passaggio alla pallanuoto femminile ottiene i risultati più importanti in ambito sportivo. Nel 1992 inizia la sua prima esperienza sulla panchina dell’Orizzonte Catania, che allenerà fino al 1995 e poi ancora dal 2000 al 2006: con il club etneo vince in totale 9 scudetti e ben 6 Coppe dei Campioni, contribuendo in maniera massiccia alla bacheca della società femminile più vincente d’Italia. Nel 2001 l’ingresso nello staff tecnico del Setterosa, come assistente di Pierluigi Formiconi, e nel 2006 diventa commissario tecnico. Guida l’Italia femminile fino alle Olimpiadi di Pechino 2008, conquistando nel 2006 l’argento agli Europei di Belgrado, alla Coppa del Mondo di Tianjin e alla World League di Cosenza.
Dopo il Setterosa vola in Olanda, per allenare la nazionale femminile Oranje con cui nel 2010 vince il bronzo agli Europei di Zagabria, battendo nella finalina proprio l’Italia. Resta c.t. dell’Olanda fino al novembre 2013, poi torna in Italia e alla pallanuoto maschile, diventando nel 2015 tecnico della Muri Antichi, allenata fino allo scorso gennaio.
Alla moglie di Maugeri Graziella, ai figli Nicoletta (avuta dal primo matrimonio con Eugenia), Alessandro e Marta le più sentite condoglianze da parte della Waterpolo Development.
I funerali di Maugeri si terranno domani ad Acicastello, nella chiesa di San Mauro, alle ore 15:30.

 

Followers

Si è verificato un errore nel gadget